Autore: Beniamino Furno

Revisore legale dei conti e Docente in Economia.

Avete mai messo piede nell’aula di un Tribunale? Cosa c’è scritto al suo interno e a lettere cubitali? “La legge è uguale per tutti” Ma è proprio vero? Prendiamo ad esempio, in ambito fiscale, le Dichiarazioni dei Redditi per le persone fisiche e le società, in scadenza di presentazione il prossimo 15 ottobre 2024. In linea di principio, lo Stato al quale pagare le tasse è quello ove si ha la residenza. Molti sono i furbetti, persone fisiche e giuridiche, a cui interessa solamente spostare il “domicilio” o la “sede sociale”. Questo accorgimento giuridico consente a chi ha i mezzi (disponibilità in danaro,…

Leggi di più

C’era una volta la scuola: un posto dove accrescere le proprie conoscenze e confrontarsi con chi la pensa diversamente. Oggi sembrerebbe tutto finito! Eppure i Prof sono, quasi tutti, capaci e preparati. A cambiare e in peggio è stata la nostra società, così come il modo in cui stiamo educando i nostri ragazzi. Il 30 marzo di quest’anno entrerà in vigore la legge contro la violenza sui docenti e sul personale scolastico. Dal prossimo anno scolastico, invece, se il Ddl Valditara (Ministro dell’istruzione e del merito nel governo Meloni) sarà approvato dai due rami del parlamento, si avrà una stretta…

Leggi di più

Anche per quest’anno le Certificazioni Uniche dei professionisti e dei forfettari andranno inviate entro il 31 ottobre. Entro il 18 marzo 2024, poiché il 16 cade di sabato, dovranno essere inviate le C.U. relative ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. Gli studi professionali e i sostituti d’imposta si erano allarmati non poco all’idea che, contrariamente a quanto avveniva negli anni scorsi, quest’anno avrebbero dovuto provvedere all’inoltro delle certificazioni uniche dei professionisti, forfettari compresi, entro il 18 marzo. Ma per capire meglio di cosa stiamo parlando, facciamo un passo indietro! L’articolo 4 comma 6-quinquies del Decreto del Presidente della Repubblica 22…

Leggi di più

Il ritornello di una vecchia canzone popolare beneventana recita: “Debiti, debiti, fai debiti e non pagare. Di debiti non si muore e in galera non si và!” Le nuove norme del decreto sanzioni voluto dal Governo Meloni, nell’ambito della più generale riforma fiscale, prevedono che i reati di omesso versamento delle ritenute fiscali e dell’Iva si consumeranno alla data del 31 dicembre successivo a quello di presentazione della relativa dichiarazione. Attualmente funziona così il d.lgs. 74/2000: ·     assume rilevanza penale l’omesso versamento Iva in un determinato anno d’imposta se alla data prevista per l’acconto Iva (il 27 dicembre), relativo…

Leggi di più

Meglio un uovo oggi che una gallina domani è un famosissimo proverbio italiano con il quale si afferma che si dovrebbe sempre preferire un beneficio immediato anche se magari piuttosto modesto (rappresentato dall’uovo), piuttosto che un vantaggio futuro decisamente superiore (rappresentato dalla gallina) ma che non è detto si possa ottenere. Questo è il dilemma che attanaglia ogni anno le aziende dell’autotrasporto, circa l’utilizzo delle risorse stanziate dal Ministero dei Trasporti. Tali incentivi sono meglio conosciuti sotto il nome di RAM «Incentivo Investimenti Autotrasporto», oggi giunta alla sua X edizione. Per meglio analizzare il D.M. 317/2023, entrato in vigore il…

Leggi di più

La maggior parte delle merci in Italia viaggia ancora su gomma. Sono moltissime le aziende di autotrasporto nel nostro Paese, strutturate in vario modo: Ditte individuali, cooperative, società a responsabilità limitata ed anche diverse società per azioni. Un tempo i camionisti riuscivano ad acquistare una seconda casa al mare. A godersela evidentemente erano i propri familiari, poiché loro erano sempre fuori per lavoro. Un lavoro, quello dei camionisti, ch’è sempre stato duro ma almeno un tempo rendeva! È anche vero che in alcuni lavori, più di tanti altri, è fondamentale avere passione. Oggi, purtroppo, le aziende di autotrasporto faticano a…

Leggi di più

Il governo ha deciso di introdurre quasi un miliardo di euro per gli ecobonus destinati al settore automotive, con l’obiettivo neanche tanto celato di raddoppiare la produzione italiana di autovetture, oggi inferiore al mezzo milione di unità. Saranno però soprattutto i produttori automobilistici stranieri a guadagnarci con gli incentivi alle rottamazioni. Certo la normativa europea impedisce ai singoli paesi membri di utilizzare fondi pubblici per favorire l’acquisto di nuove auto realizzate nei propri confini. Si stima così che il 70 per cento degli incentivi, circa 793 milioni di euro solo per la parte auto, servirà per comprare veicoli assemblati all’estero.…

Leggi di più

La maggior parte di noi proviene da una tradizione contadina. La terra la conosciamo tutti … anche grazie ai nostri nonni, genitori, parenti ed amici. Quindi, sappiamo bene il duro lavoro che c’è dietro! Dietro ogni sigla, invece, ci sono le proteste di una categoria allo stremo. Da Nord a Sud scendono in strada contro i guadagni ridotti all’osso, i costi elevati del gasolio, la pesante tassazione, le politiche dell’Ue con misure troppo ambientaliste e le possibili aperture a carne coltivata e farine di insetti. “Stop alle rigide regole europee del Green Deal e immediata abolizione dei vincoli che impediscono…

Leggi di più

Nelle intenzioni del viceministro all’Economia Maurizio Leo con il concordato preventivo biennale cambieranno i rapporti tra Fisco e partite Iva. Con la leva dell’adeguamento spontaneo, infatti, gli autonomi e i professionisti verranno spinti il più possibile verso le richieste dell’amministrazione finanziaria. Si spera che dal maggior gettito previsto dal concordato preventivo biennale si otterranno anche le risorse necessarie per tagliare l’Irpef e portarla a solo due aliquote. Sicuramente non è un super ricco il contribuente persona fisica che dichiara 50mila euro all’anno. Questi sconta di base un’aliquota del 43%, se poi aggiungono anche le addizionali regionali e comunali si arriva…

Leggi di più

Il modello 730 precompilato compie 10 anni e va in soffitta! Al suo posto arriva la semplificata. A stabilirlo è il Dlgs n. 1/2024. A decorrere dal 2024 per i dipendenti e i pensionati ci sarà un nuovo modello dichiarativo, non più basato sui campi già compilati ma direttamente sulle informazioni presenti nel database dell’Agenzia delle Entrate. I dati che i contribuenti confermeranno o modificheranno, all’interno di un’apposita area riservata del sito delle Entrate, verranno riportati in maniera automatica nei campi corrispondenti della propria dichiarazione dei redditi. Da un punto di vista tecnico e operativo per la sostituzione del 730…

Leggi di più